Anobium Punctatum, l'insettaccio“L’Anobium Punctatum è uno dei tarli che corrodono il legno e con il legno i libri.

Dato che i libri hanno il loro posto naturale sugli scaffali delle librerie e che gli scaffali sono molto spesso in legno, l’anobium puntactum sa bene dove trovarsi da mangiare.

Deve solo decidere se sfamarsi prima con il legno e poi con la carta, o se dalla carta passare al legno.

Una cosa è comunque certa: una volta che ha cominciato il suo lavoro di demolizione, niente potrà ritornare come prima.

Gli scaffali di legno delle grandi biblioteche saranno inesorabilmente corrotti dalla sua lenta ma inesorabile erosione, destinati a cedere e rovinare con tutto il loro carico di libri.

Questi, a loro volta, saranno stati sicuramente già attaccati da altri amici anobici che con i loro denti puntati avranno cominciato a percorrere in su e giù le pagine dei volumi, ruminando fogli dopo fogli, ingerendo parole e pensieri antichi o moderni, digerendo filosofie e dottrine, idee e sentimenti, immagini e disegni.

Nulla resterà di loro se non briciole del tempo, fatti polvere del nulla.”

(Galloway, da un post pubblicato su Guide.Supereva.it il 13 Aprile 2008)

E quindi?

Per salvare i libri da questo orribile tarlo e da altri pericoli, ci pensa aNobii (prende il nome proprio dall’insettaccio)!

E cos’è aNobii?

aNobii è una concreta testimonianza che i Social Network di grande successo sono quelli che replicano i comportamenti che noi teniamo nella nostra “vita sociale”, interpretando al meglio le potenzialità del Web 2.0: nel caso di aNobii, la passione per la lettura, per i libri, in TripAdvisor quella per i viaggi, su Flickr l’interesse per la fotografia.

E come per TripAdvisor e Flickr e la maggior parte dei Social Network, entrare in aNobii è semplicissimo e gratuito: dobbiamo crearci il nostro profilo e iniziare a inserire i libri nel nostro scaffale virtuale, la nostra libreria, andandoli a pescare in uno sterminato archivio elettronico, facendoci aiutare da un motore di ricerca.

Ora, una volta aggiunto qualche libro, eccoci alla vera “anima” di aNobii.

Siamo pronti per inserire una serie di dati più personali su ognuno dei titoli che abbiamo nella nostra libreria virtuale: dove abbiamo acquistato il libro, se lo abbiamo finito o lo dobbiamo ancora iniziare (o magari lo abbiamo abbandonato a metà perché era noioso), la nostra valutazione, i nostri commenti (che resteranno legati al libro e visibili a tutti quelli che aggiungeranno lo stesso libro nella loro libreria).

Bello, vero?

Ma che cosa ce ne facciamo di aNobii, ci può aiutare a valorizzare la nostra attività in ottica Web 2.0?

Non lo so, però….

Volete uno scopo per sviluppare una relazione con i vostri Clienti?

Avete una struttura ricettiva e volete promuovere una destinazione?

La vostra azienda “vende” knowledge?

Provate a riflettere a che cosa vi può servire aNobii…..

Buon Web 2.0

Robert Piattelli, Aperion.it, il Blog!

robert.piattelli@aperion.it


Profilo Facebook di Robert Piattelli

La libreria virtuale di www.showerheadly.com?

Cliccate sul logo di aNobii.

aNobii

Tra i libri nel nostro scaffale:

Più riguardo a La coda lunga Più riguardo a Zero comments Più riguardo a Noi è meglio Più riguardo a Che pasticcio di marketing!